Nome: Oberdan Biagioni
Nato il: 17/10/1969
Ruolo: centrocampista
Squadre in Serie A: Foggia, Udinese (giocatore)
Incarico attuale: allenatore

Quando allenavo l'Olbia partecipavo al fantacalcio con la mia squadra e stavo andando anche bene. Era un buon passatempo. Essendo un allenatore di professione non potevo fare brutte figure, aspettavo che scegliessero prima i miei giocatori e lasciavo credere loro che avessero scelto i migliori.” Questa è stata la strategia fantacalcistica di Oberdan Biagioni, nella sua breve esperienza come fantallenatore quando sedeva sulla panchina dell’Olbia.

Biagioni ha legato le sue più importanti esperienze in massima serie al Foggia con cui esordì nel 1992-1993 nella gara contro il Milan persa per 1-0, totalizzando 24 presenze e 5 reti in stagione, e dove tornò nel 1994-1995, stagione che culminò con la retrocessione in Serie B (22 presenze, 3 goal). In mezzo la parentesi con l’Udinese nel 1993-1994, terminata con la retrocessione dei friulani dove mise a referto 14 gettoni di presenza. Queste 3 stagioni rimarranno le uniche giocate dal centrocampista romano in Serie A, per un totale di 60 partite e 8 goal realizzati. L’anno successivo si accasò alla Pistoiese, con cui dovrà affrontare la terza retrocessione consecutiva, questa volta dalla B alla C1, per poi tornare per la terza ed ultima volta in carriera al Foggia nel 1996, esperienza che durò metà stagione con sole 8 presenze. A dicembre passò alla Fidelis Andria in C1, con cui vinse il campionato in quella stagione e rimase per un altro anno in Serie B, segnando in tutto 18 goal in 57 presenze. Gli ultimi 3 campionati in Serie B furono con Brescia (23 presenze) nel 1998-1999, Cosenza (2 goal in 20 presenze) nel 1999-2000, e Crotone (3 presenze), prima di terminare la carriera in C con la maglie di Giulianova e Tivoli.

Centrocampista con grande estro e fantasia, fu uno specialista nei calci di punizione, sia con il destro che con il sinistro: “visto che non mi piaceva correre, almeno tiravo bene le punizioni, sennò che ci stavo a fare? Era la mia caratteristica che spiccava un po’ di più, diciamo che me la cavavo a calciare con entrambi i piedi.”

Dopo il ritiro intraprese la carriera da allenatore proprio con il Tivoli, allenato dal 2004 al 2006, in seguito allenò Terracina, Ostia Mare, Andria BAT, Viterbese, Olbia, Potenza e Messina, dove venne esonerato per motivi disciplinari nonostante avesse raggiunto la finale di Coppa Italia di Serie D.

Per concludere vi mostriamo come sempre le top 11 del mister, una vintage e una della Serie A relativa al campionato in corso:


Top 11 VINTAGE:
4-2-3-1:
Peruzzi
Cafu - Baresi - Ferrara - Maldini
Rijkaard - Pirlo
Signori - Baggio - Totti
Van Basten
All. Fabio Capello

TOP 11 ATTUALE:
4-4-2:
Handanovic
Di Lorenzo - De Vrij - Chiellini - Alex Sandro
Tonali - Milinkovic - F. Ruiz - Zaniolo
Lukaku - Ronaldo
All. Roberto De Zerbi

Sezione: Borsino di TFC / Data: Lun 11 maggio 2020 alle 11:00 / Fonte: Lorenzo Stefoni
Autore: Redazione Tuttofantacalcio / Twitter: @tuttofanta
Vedi letture
Print