Parma e Cagliari, che succede? Probabilmente ad inizio campionato nessuno avrebbe mai ipotizzato questa situazione, ma le giornate continuano a passare e la situazione peggiora sempre più: Parma e Cagliari sono in piena crisi, rispettivamente penultima e terzultima. 
Ciò che più caratterizza il loro periodo negativo è il reparto offensivo: i ducali hanno ormai il peggior attacco della Serie A da parecchio tempo, mentre i sardi sembrano essere entrati dentro un tunnel senza via di uscita.
Andiamo ora ad analizzare ciascuna situazione per vedere in che modo potrebbero rialzarsi nel girone di ritorno e lottare per una, sempre più difficile, salvezza.

PARMA: penultimi in classifica, peggior attacco della Serie A e sempre più verso il fondo della classifica. Un periodo che definire negativo è un eufemismo e il fatto che emerge sempre di più è la scarsa prolificità dell’attacco: solo 15 gol in 22 partite (media di 0.68 gol a partita). Gli unici marcatori sono: Kucka e Gervinho(4 gol), Hernani (3), Kurtic(2), Gagliolo e Karamoh (1), mentre sono ancora rimasti a secco Cornelius e Inglese, gli unici due attaccanti in rosa da settembre. Tuttavia si spera che gli acquisti di gennaio (Pellè, Zirkzee e Man) possano invertire questa terribile tendenza. 

CAGLIARI: situazione simile, ma paradossale per i sardi: la vittoria manca dal 7 novembre (7ª giornata). Crisi infinita e situazione veramente disastrosa. Mentre prima i gol arrivavano comunque, ora l'elemento costante è proprio la scarsa incisività della squadra allenata da Di​​ Francesco.
Il Cagliari è il 15° attacco della Serie A con 24 gol in 22 gare, media di 1.09 gol a partita (in netto calo rispetto ad inizio stagione).
Momento impensabile fino a pochi mesi fa per i rossoblu, che vantano in rosa di giocatori di assoluto livello, come: Joao Pedro (11 gol), Simeone (5), Sottil e Lykogiannis (2), Godin (1) e il neo acquisto Nainggolan ancora a secco e in una forma non ottimale. 

Sezione: Borsino di TFC / Data: Mar 16 febbraio 2021 alle 21:00 / Fonte: Luca Di Leonardo
Autore: Redazione Tuttofantacalcio / Twitter: @tuttofanta
vedi letture
Print