In casa Fiorentina tiene banco ormai dall’inizio della stagione il ballottaggio fra i due portieri Terracciano e Dragowski.

Non parevano esserci dubbi ai nastri di partenza che sarebbe stato il portiere polacco ad essere il titolare fisso ma, complici squalifiche ed infortuni, il portiere italiano si è ritrovato a dover difendere la porta in 9 presenze, subendo 11 reti con una fantamedia di 4.83. Dragowski, dal canto suo, aveva ritrovato la titolarità dopo le prime 3 giornate confermando di essere un portiere di ottimo affidamento e parando anche un rigore a Insigne alla 7° giornata che ha fatto impennare la sua fantamedia a 5.2 con 6 goal subiti in 5 apparizioni.

Proprio la partita contro il Napoli è stata fatale per il “Drago” che ha riportato una lesione di secondo grado al retto femorale della coscia destra che lo sta tenendo ormai lontano dai campi da quasi due mesi. Nel frattempo Terracciano ha dato risposte molto importanti, facendosi trovare pronto in ogni occasione in cui è stato chiamato in causa dall’allenatore e sarà ancora una volta lui il titolare, nella sfida contro l'Empoli. In conferenza stampa, Italiano ha infatti dichiarato che Dragowski non è ancora in condizione e non può ancora rientrare.

Le gerarchie per il futuro al momento sono più che mai poco chiare e oltretutto mister Italiano ha spesso in carriera fatto girare i portieri, senza avere una gerarchia rigidamente definita: l’anno scorso alla guida dello Spezia aveva fatto ruotare addirittura 4 estremi difensori.

Il consiglio di Tuttofantacalcio: chi all’asta di settembre si è aggiudicato entrambi i portieri della Viola può stare molto tranquillo, in quanto ben coperto. Diverso il discorso per chi ha acquistato solo Dragowski: si può scambiare nel caso in cui vi offrano un portiere del suo livello, oppure resistere fino all’asta di riparazione per aggiudicarvi anche Terracciano.

Sezione: Borsino di TFC / Data: Sab 27 novembre 2021 alle 14:51 / Fonte: Fabio De Rose
Autore: Redazione Tuttofantacalcio / Twitter: @tuttofanta
vedi letture
Print