Il nuovo allenatore del Torino sarà Marco Giampaolo. Il nuovo corso granata riparte con l’allenatore ex Sampdoria e Milan all’insegna della ricostruzione e della chiamata al riscatto sia per la squadra sia per il mister.
Proveremo ora ad analizzare quali saranno le mosse per riportare il Torino agli antichi fasti.

Da sempre il tecnico nato in Svizzera propone o prova a proporre un 4-3-1-2 con attenzione particolare al ruolo del trequartista e delle triangolazioni offensive con una ricerca spasmodica dell’attacco alla profondità. Senza, però, tralasciare il controllo degli spazi in fase di non-possesso, guardando alla difesa con un occhio critico che gli è valso l’appellativo di “maestro di calcio”.

Riusciranno Cairo e il nuovo direttore sportivo Vagnati a regalare a Giampaolo gli elementi di cui ha estremo bisogno per portare questa idea di gioco così diversa da quella di Moreno Longo? Solo il tempo potrà dircelo, ma per ora analizziamo le certezze della rosa granata.

Dato il via vai che probabilmente ci sarà al Filadelfia di Torino le sicurezze sono molto poche per il fantacalcio​​​​​​.

PORTIERE
Il nome di Sirigu è sul taccuino di molti ds della Serie A, ma, se la società vuole ripartire dalle certezze, allora il primo nome che viene in mente è quello del portierone sardo, che malgrado la stagione negativa rimane un elemento di sicuro affidamento. Rosati e Ujkani saranno probabilmente gli estremi difensori che completeranno il reparto.

DIFESA
La difesa granata ha subito troppo nella scorsa stagione, ora c’è aria di rivoluzione. Una stagione fa Izzo e N’koulou erano stati una sorprendente sicurezza, ma ora per la giusta cifra potrebbero essere sacrificati. Nel caso rimangano sarebbero loro i titolari, con Lyanco (anch’egli sul mercato) pronto a farli rifiatare. Sugli esterni Ansaldi (in scadenza di contratto) e De Silvestri per ora non hanno concorrenza, ma dal mercato arriverà probabilmente un aiuto importante (Rodriguez sembrerebbe essere molto vicino).

CENTROCAMPO
Anche in mediana si parla di rifondazione: solo Rincon e Baselli sembra che possano rimanere, dopo le pessime prestazioni di Meité e vista anche la possibile cessione di Lukic. I nomi chiesti dal mister bellinzonese sono tanti, a partire da Krunic, fino ad arrivare a Linetty e Torreira: sicuramente ci sarà un grande restyling.
Nel ruolo di trequartista ci sarà grande spazio per Verdi, nella veste di 10 puro. Berenguer è sul mercato, sirene spagnole per lui, ma Giampaolo potrebbe bloccarne la cessione.

ATTACCO
Gli obiettivi per affiancare Belotti sono chiari da tempo e hanno il nome di Gabbiadini e Joao Pedro, ma non è impossibile la permanenza di Zaza, per cui l’ex mister del Milan nutre una forte ammirazione già dai tempi della Sampdoria. Sicuramente potrebbero arrivare dei giocatori che permetteranno di far rifiatare i titolari. Per il momento le alternative sono Millico e Edera.

Sezione: Borsino di TFC / Data: Mar 11 agosto 2020 alle 18:00 / Fonte: Nicolò Lorenzetti
Autore: Redazione Tuttofantacalcio / Twitter: @tuttofanta
Vedi letture
Print