Fantacalcio, il borsino della ROMA

Analizziamo la situazione della Roma
30.08.2018 18:00 di Redazione Tuttofantacalcio Twitter:   articolo letto 360 volte
Fonte: Bruno Bertucci
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Fantacalcio, il borsino della ROMA

In questa sezione il nostro obiettivo è informarvi sui vari dubbi di formazione delle varie squadre di serie A.

L'obiettivo è quello di indirizzarvi al meglio sia nella stesura della vostra fantaformazione sia nella decisione di acquistare/cedere/scambiare un determinato giocatore.

ROMA

PORTA: Olsen/Mirante/Fuzato

Il favorito per difendere la porta giallorossa è senza dubbio Olsen, ma la poca esperienza nel nostro campionato e prestazioni non eccezionali, potrebbero far sì che anche Mirante abbia il suo minutaggio. Da prenderli, dunque, in coppia. Difficile vedere in campo Fuzato.

DIFESA: Florenzi/Karsdorp/Santon//Manolas/Fazio/Marcano/Bianda/Kolarov/Pellegrini/Juan Jesus

Difesa a 4 abbastanza rodata: sulle corsie esterne Florenzi e Kolarov garantiscono buoni voti e diversi bonus, mentre al centro Manolas (pericolosissimo dagli sviluppi di calci piazzati) e Fazio assicurano solidità all'intero reparto. Marcano, al momento, è da considerarsi una validissima alternativa al duo di centrali. (La sua appetibilità crescerebbe qualora il tecnico vagliasse l'ipotesi della difesa a 3). Karsdorp e Santon a destra, Pellegrini e Juan Jesus (in grado di giocare anche come centrale) rimangono indietro nelle gerarchie e bisogna considerarli come comprimari. Bianda attualmente ha poche chance di scendere sul terreno di gioco.

CENTROCAMPO: De Rossi/Nzonzi/Cristante/Pastore/Pellegrini/Perotti/Coric
Reparto che può avere diverse letture, in relazione al modulo che Di Francesco vorrà utilizzare. Con un centrocampo a 3 De Rossi e Nzonzi si alternerebbero davanti la difesa, con compiti maggiormente difensivi (e ciò aumenta il rischio malus), mentre con il 4-2-3-1 sarebbero i due registi titolari. Come mezz'ali i favoriti sono Cristante (con i suoi inserimenti può portare a casa diversi bonus) e Pastore (posizione in cui l'ex PSG non si sente maggiormente a suo agio e non esprime il meglio, come quando agisce dietro le punte). La prima alternativa, che avrà un minutaggio altissimo, visto il trasferimento di Strootman, sarà Pellegrini (che può garantire buoni voti e qualche bonus). Per ciò che concerne Perotti, sulla carta è molto appetibile giocando nel tridente offensivo, ma i guai fisici ed il poco feeling con il nuovo assetto tattico lo stanno mettendo in difficoltà.

ATTACCO: Dzeko/Schick/Under/El Shaarawy/Kluivert
Il terminale offensivo della compagine capitolina è, senza ombra di dubbio, Dzeko: centravanti moderno in grado di arrivare facilmente in doppia cifra che riesce ugualmente ad aiutare la squadra in fase di impostazione. Schick sarà la prima riserva del bosniaco, ma ha le caratteristiche adeguate per agire anche come esterno in un tridente. Under ed El Shaarawy saranno le ali titolari in grado di diventare spine nel fianco per qualsiasi pacchetto arretrato. Kluivert parte indietro nelle scelte del tecnico, ma verrà inserito come mina vagante che può spostare i valori in campo da un momento all'altro. Qualora l'allenatore giallorosso decidesse di utilizzare il 4-2-3-1 l'appetibilità delle ali diminuirebbe visto che giocherebbero in una posizione più arretrata.