Fantacalcio, COME CAMBIA FANTACALCISTICAMENTE L'UDINESE

 di Redazione Tuttofantacalcio Twitter:   articolo letto 2530 volte
Fonte: Valerio Cianfanelli
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Fantacalcio, COME CAMBIA FANTACALCISTICAMENTE L'UDINESE

Altro cambio in panchina per la serie A, dopo Rastelli, Baroni e Juric, a pagare le conseguenze di un campionato altalenante questa volta è Delneri.
Per l’allenatore di Aquileia è stata fatale la sconfitta casalinga di Domenica contro il Cagliari, partita persa per 0-1 proprio per mano di un allenatore fresco di ingaggio quale Lopez. Il suo sostituto è già stato scelto e sarà Massimo Oddo.
Il campione del mondo si ritrovava svincolato dopo le esperienze di Pescara ed un suo ritorno in serie A era nell’aria, infatti il tecnico abbruzzese era già stato accostato alle panchine di Genoa e Cagliari al momento del cambio allenatore.
Adesso il suo momento è arrivato e vedremo come riuscirà a cambiare la sua Udinese dopo questo inizio di stagione tra parecchi alti e bassi. Il suo modulo preferito nelle precedenti esperienze era un 4-3-2-1 ad albero di natale, modulo dai tre mediani che Oddo ebbe l'occasione di sperimentare anche da giocatore, quando vestiva la maglia del Milan ed il suo
allenatore era niente poco di meno che Allegri.
Il modulo finora utilizzato dall’Udinese, invece, era un 4-3-3, quindi ai fini del gioco e degli interpreti la squadra friulana non
dovrebbe cambiare molto.


OPZIONE MODULO 4-3-2-1
Bizzarri
Widmer - Danilo - Nuytinck - Adnan
Fofana - Halfredsson - Jankto
De Paul - Lasagna
Maxi Lopez


Ballottaggi:
Bizzarri-Schuffet 70%-30%
Adnan-Samir 60%-40%
Maxi Lopez-Perica 55%-45%


PORTA: in porta non dovrebbero esserci grosse sorprese, infatti il titolare presumibilmente rimarrà Bizzari, giocatore già conosciuto da mister Oddo nell’esperienza di Pescara, che scontata la squalifica rimediata all'ultima giornata tornerà tra i pali. Qualche piccola chance per il giovane Schuffet c’è, giocatore più volte acclamato poi puntualmente sempre tornato a scaldare la panchina a favore di portieri con più esperienza.

DIFESA: i due centrali non dovrebbero essere in dubbio e rimarranno Nuytinck, che momentaneamente è alle prese con qualche acciacco ma finora aveva sempre figurato bene, e Danilo, che da poco si è ripreso da un infortunio ma già con Delneri aveva ritrovato il posto al centro della difesa che gli spettava di diritto. Sugli esterni anche Widmer non dovrebbe rischiare nulla. Mentre Adnan potrebbe ritrovare definitivamente il suo posto da titolare, posto che per ora gli era stato conteso da Samir. Probabilmente i due continueranno ad alternarsi, ma le doti di spinta di Adnan potrebbero farlo preferire, visto che Oddo predilige i terzini che scendono sulla fascia e sanno attaccare, coprendosi di più con un ampio schermo davanti alla difesa.

CENTROCAMPO: Fofana e Jankto dovrebbero essere i due inamovibili, mentre Barak seppur sta facendo molto bene potrebbe soffrire la presenza di Behrami, giocatore con il quale Oddo ha condiviso l’esperienza laziale e noto per le sue capacità da incontrista, e il ritorno a dicembre di Halfredsson, molto bravo ad impostare e difendere. Oddo probabilmente prediligerà per i 3 centrocampisti dei giocatori di gamba e tecnica. Per questo Halfredsson e Fofana potrebbero risultare i più utili, mentre per dare un tocco di qualità in più si affiderà a Jankto che all'occorrenza potrebbe anche essere spostato nel ruolo di trequartista lasciando più spazio a Balic e Barak, che nella gestione Delneri si stavano alternando molto. In definitiva con il rientro di Halfredsson i tre titolari potrebbero diventare lui insieme a Fofana e Jankto con Berhami, Barak e Balic che saranno utilizzati nel turnover o, in particolare lo svizzero, nelle partite in cui sarà richiesta più copertura.

TREQUARTI: per la trequarti va fatto un discorso a parte, i due probabili titolari saranno Lasagna, uno dei migliori finora, e De Paul, giocatore che difficilmente sarà riposto in panchina per le sue grandi qualità. Le variabili potrebbero essere, come detto in precedenza l'avanzamento di Jankto e l'inserimento di Matos, giocatore di cui si parlava molto bene e di grande prospettiva, che però negli ultimi anni sta trovando sempre meno spazio in tutte le squadre in cui ha giocato.

ATTACCO: in questo ruolo ad oggi Maxi Lopez e Perica si sono alternati molto, con Delneri che molto spesso ha preferito il primo, probabilmente per la sua esperienza. L’andazzo potrebbe non cambiare, sarà probabile infatti che anche Oddo si affiderà all’esperienza del giocatore argentino almeno nelle prime uscite. Perica parte leggermente dietro, ma ha tutte le qualità per dimostrarsi un titolare a tutti gli effetti. Per questo ruolo all’occorrenza potrà essere utilizzato anche Lasagna, non esattamente un attaccante con le caratteristiche dei primi due sopracitati, ma comunque una seconda punta offensiva che può ricoprire il ruolo da prima punta.


MODULO ALTERNATIVO: 4-3-3
Bizzarri
Widmer - Danilo - Nuytinck - Adnan
Fofana - Halfredsson - Jankto
De Paul - Maxi Lopez - Lasagna


Una valida alternativa al 4-3-2-1 potrebbe essere il 4-3-3 già utilizzato da Delneri, i due moduli sono molto simili, l'unica differenza è il ruolo di partenza di De Paul e Lasagna, che in questo caso partirebbero più larghi sulle fasce, favorendo così gli inserimenti dei centrocampisti. Con questo modulo Matos potrebbe risultare il panchinaro più utile, vista la
sua predisposizione di giocare esterno largo sulla fascia.